+39 0577 1606 351

info@chiantiferie.net

Open info Close info

Crete senensi

Crete senensi

Le crete senesi sono la zona a sud est di Siena; il nome deriva dall'argilla o creta, presente nel terreno e che da al paesaggio il tipico colore grigio-azzurro, definito spesso lunare. L'intero paesaggio è caratterizzato da suggestive e arrotondate colline, dove i pochi boschi lasciano spazio a infinite distese di grano e di pascoli , capaci di cambiare colore con il cambio delle stagioni.
Le crete senesi possono essere considerate il
panorama più fotografato del mondo. Non c’è infatti, nell’immaginario collettivo di ognuno, un angolo di paesaggio che, magari inconsapevolmente, non sia un’istantanea di questo grande mare d’argilla.
In primavera, la natura rende i campi simili a onde verdeggianti battute dal vento e in autunno, quando gli aratri degli agricoltori riportano a nudo l’argilla del suolo, prevalgono i riflessi viola.
Si tratta di una terra di agricoltura, resa celebre grazie ai
prodotti gastronomici buonissimi. Tra questi il “cacio”, pecorino unico come il gusto inconfondibile che le erbe selvatiche brucate dalle pecore conferiscono al latte. Altri prodotti celebri sono il pregiato olio Dop, e il tartufo bianco delle Crete senesi, uno dei più rari e pregiati d'Italia
Altro elemento caratterizzante di questa terra è l'acqua, sia come elemento decorativo del paesaggio, sia come importante metodo di cura, tramite le
terme, che offrono trattamenti della pelle e degli apparati motori e respiratori. Tra queste ricordiamo le Terme di San Giovani e Terme di Antica Querciolaia a Rapolano Terme.
Le Crete senesi non sono solo terra di natura ma anche di
arte; una delle colline sensesi è stata scelta da Jean Paul Philippe come il luogo ideale in cui collocare la sua opera Site transitoire. Vi è poi il Bosco della Ragnaia, un parco la cui funzione è stimolare la curiosità e la creatività del viaggiatore, lasciandosi trasportare dalla suggestione del luogo.